giovedì 26 luglio 2012

Identikit del turista: Il suo "Status Privilegiato" (Parte 1)

Buonasera cari navigatori,
pochi minuti fa ho acceso la tv e mi sono imbattuta in un programma di turismo particolare, anzi direi una nuova meta turistica: lo spazio cosmico! Ecco il turista del futuro che galleggia nella sua navicella-hotel spaziale, da duemila dollari a notte, tra scatolette e oblò con panorama privilegiato sul globo terrestre! Il viaggio, con una compagnia d'eccezione, la Nasa, non sarà stato esente da impatto emozionale con decollo e razzi all' ennesima potenza! Incredibile!
Facciamo un piccolo passo indietro, torniamo con i piedi per terra e facciamoci una domanda: chi è il turista? Perchè viaggia? Cosa lo spinge alla conoscenza di nuovi luoghi? Cosa lo rende soddisfatto e cosa no?
Procediamo con ordine. In questo post inizierò ad analizzare la "FIGURA DEL TURISTA".
Faccio anche io qualche piccolo passo indietro nel tempo: da bimba mi sentivo sempre una piccola turista, sempre in giro per la Sardegna a visitare luoghi incantevoli: Orosei, la Costa Smeralda, La Maddalena, Caprera, Olbia, Bosa, Aritzo, Desulo, Villasimius e via dicendo. La piccola Claudia turista camminava tra le viuzze dei paesini molto incuriosita facendo tantissime domande, con lo sguardo pieno di meraviglia per la gioia di vedere luoghi così diversi tra loro eppur così vicini. Lo status di turista ti mette in una condizione psicologica decisamente privilegiata ed euforica! Puoi chiedere e far tutto (quasi tutto eh!!!)! 
Dedicarti a scoprire ogni centimetro quadrato della località che ti ospita. Per non parlare del pernottamento nell'hotel e della possibilità di potersi fare un bel tuffo in piscina e come una star prendere il sole su un giardino più verde del solito. 
La bambina Claudia ha effettuato questo binomio: Turismo= Status Privilegiato.
Questo mio binomio mi ha accompagnato nei miei viaggi anche in Italia e all'estero.
Me medesima, turista privilegiata all'interno del Nuraghe Sa Domu'e S'Orcu- Sarroch (CA)

La prima caratteristica che sento di attribuire ad un turista è lo Status Privilegiato.

Qualche mese fà, ho tenuto alcune lezioni di storia nuragica a delle classi di un Istituto elementare di un vicino paese. Prima di spiegare e fornire in modo divertente le nozioni base ai piccoli alunni, su un noto nuraghe del proprio territorio, ho posto loro varie domande per coinvolgerli attivamente.
Vi descrivo brevemente il dialogo:
Io :<< Buongiorno bambini, oggi sono qui per raccontarvi qualcosa su un prezioso tesoro del vostro paese. Si, perchè anche un monumento è un tesoro, ed è prezioso perchè il suo valore è immenso e non può essere misurato con i soldi. Conoscere tutto di questo vostro tesoro è il modo migliore per custodirlo...Ora vi voglio fare una domanda: Voi sapete chi è un turista?>>.
Classe:<< Un turista è uno che va in Italia..... Un turista è una persona che viaggia......Io sono un turista, sono andato in viaggio con mamma e papà...Un turista vuole vedere tutto e dorme in albergo...>>.
Io:<< Si bravissimi. E vi faccio un'altra domada. Quando voi andate in viaggio, fate domande alle persone che abitano lì?>>.
Classe: <<Si chiedo tante cose..... Voglio sapere dove poter andare a vedere le cose belle...>>.
Classe:<< Ecco, allora oggi impareremo qualcosa su questo vostro bel monumento, in modo che quando arriverà un turista voi gli saprete raccontare proprio tutto e lui ne sarà felicissimo! Conoscere il proprio territorio è il primo passo per far crescere il numero dei turisti contenti che vorranno poi ritornare qui!>>.
La lezione naturalmente poi è continuata in modo interattivo e molto divertente.

La definizione ufficiale di turista è :
un turista è chiunque viaggi in paesi diversi da quello in cui ha la sua residenza abituale, al di fuori del proprio ambiente quotidiano, per un periodo di almeno una notte ma non superiore ad un anno e il cui scopo abituale sia diverso dall’esercizio di ogni attività remunerata all’interno del paese visitato. In questo termine sono inclusi coloro che viaggiano per: svago, riposo e vacanza; per visitare amici e parenti; per motivi di affari e professionali, per motivi di salute, religiosi/pellegrinaggio e altro.
La definizione è triste, tecnica, ma noiosa, non trasmette quel senso di privilegio di cui vi parlavo e che secondo me rappresenta una delle caratteristiche primarie di questo viaggiatore del mondo e nel mondo.
Il turista, specialmente il vacanziero, ha diversi obiettivi: vuole rilassarsi, oppure divertirsi, oppure vuol esplorare luoghi particolari o dedicarsi alle più svariate attività. E sapete qual è il lato più fantastico?
PUò FAR TUTTO QUELLO CHE DESIDERA E NOI, COMUNITà OSPITANTE LO DOBBIAMO COCCOLARE, OFFRENDOGLI I SERVIZI, RACCONTANDOGLI LE STORIE PIù BELLE DELLA NOSTRA TERRA, FACENDOLO IMMERGERE, PER LA DURATA DEL SUO SOGGIORNO, IN UN MONDO A LUI TOTALMENTE SCONOSCIUTO E CHE LO STIMOLERà POSITIVAMENTE A PARLARE IN MODO ECCELSO DELLA NOSTRA ISOLA. ECCO COSA INTENDO PER STATUS PRIVILEGIATO.
Nuraghe Sa Domu'e S'Orcu-Sarroch (CA)- Foto realizzata da Cinefotoartistica Mullano per manifestazione culturale "ISTORIA DE INCANTU

Toccare con mano ed entrare in contatto con la parte più "intima" e certe volte "magica" della comunità ospitante.
Anche questo è turismo sostenibile e responsabile.
Nei post successivi, a questo collegato, vi parlerò delle altre caratteristiche che definiscono un turista e della mia personale esperienza nel rapporto turista-operatore turistico.
Ora vi saluto, buon BloggerViaggio a tutti.
-C